Pizza Patrimonio dell’Unesco, tra un anno la decisione

Saranno offerte pizze ai senzatetto, giovedì prossimo, a Napoli, durante uno degli eventi in programma nell’ambito della campagna di iniziative che si terranno nel corso dei prossimi mesi per promuovere la candidatura dell’Arte dei pizzaiuoli napoletani a Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità. La presentazione degli eventi è andata in scena ieri, da Rossopomodoro, nel corso di un incontro al quale hanno preso parte, tra gli altri, Alfonso Pecoraro Scanio, promotore della campagna e della petizione #pizzaUnesco che ha già raggiunto 1.200.000 firme, e l’assessore alle Attività Produttive, Enrico Panini, in rappresentanza del Comune di Napoli. «Finalmente – ha annunciato Pecoraro Scanio – siamo nell’anno in cui il dossier della candidatura dell’arte dei pizzaiuoli napoletani sarà esaminato, dal comitato per il Patrimonio immateriale dell’Unesco, nella sessione dal 4 all’8 dicembre che si terrà a Seul. Dobbiamo aumentare, in questi mesi, la mobilitazione dell’opinione pubblica in Italia e nel mondo».

No Comments Yet

Comments are closed