‘Adunata Deliziosa – Reati con gusto’: Per raccontare il gusto dei peccati di gola napoletani

L’obiettivo è stato dichiarato dal patron dell’Osteria Partenope sin dall’inizio:  sconvolgere i soliti schemi della gastronomia partenopea. Ed è per questo che i quattro appuntamenti partiti a inizio mese che termineranno ad aprile, accompagnati da quattro note cantine italiane, l’ha battezzato “Adunanza Deliziosa – Reati con gusto”: quattro cene con quattro cantine per raccontare il gusto dei “peccati” (di gola) napoletani, tutti di mercoledì. ” Il format gastronomico” propone la nota di presentazione ” richiamando ironicamente il reato di “radunata sediziosa”, vuole condurre i partecipanti in un percorso di degustazioni fuori dai soliti schemi. Anzi, per dirla con l’articolo penale del reato da cui prende nome: “diretto a provocare pubblico scompiglio”. L’ idea è di Fabio Messina, figlio d’arte della gastronomia partenopea, da ben tre generazioni e patron del ristorante Osteria Partenope di via Cimarosa al Vomero. Il format prende vita dal suo sogno originale: intercettare i desideri culinari delle persone, regalando un momento di gusto indimenticabile. E si avvale della presenza di aziende vitivinicole italiane che saranno testimoni del “reato” e racconteranno i vini scelti in abbinamento alla singola portata: Mandrarossa, Mirabella Franciacorta, Vigne Chigi e D’Antiche Terre sono le cantine delle prime quattro serate, una azienda per ogni cena, che si terranno ogni mercoledì sera fino al 3 aprile. Cinque portate che ricordano la generosità del mare, la freschezza della brezza marina e le carezze del sole sul golfo di Napoli. In cucina, un team di professionisti con il neo arrivato chef Marco Iavazzo, che nel curriculum vanta esperienze con gli stellati Nino Di Costanzo, Andrea Ribaldone, Matteo Baronetto e Paolo Barrale, e il resident chef Giancarlo Musto.

 

No Comments Yet

Comments are closed