Take a fresh look at your lifestyle.

Vini bianchi al Campaniastories: le nostre degustazioni

0


Marò che faticaccia! Provate voi a degustare oltre 200 vini in 4 giorni ad un ritmo serratissimo; sembra piacevole e facile ma non lo è affatto. Vedere qualche collega, anche “robusto”, gettare la spugna in alcune giornate mi ha rinfrancato. Almeno ho subito intuito che il confronto non era del tutto impari. Colossi tedeschi, americani e italici di stazza “chianina” che sembravano non stancarsi mai, hanno parzialmente ceduto di fronte a questa immane galoppata. Ed a briglie sciolte mi sottopongo malvolentieri alle valutazioni strettamente personali, fatte tutte in blind ad eccezione del primo giorno dove si degustavano tutti i vini campani eccetto gli irpini.
Fiato alle trombe allora.
I vini per i quali ho provato delle sensazioni positive sono stati:
BIANCHI CAMPANI
1) LACRYMA CHRISTI Bianco Vigna Lapillo 2012 dell’azienda SORRENTINO (A), di buona consistenza con un naso abbastanza complesso con note di pietra lavica, buona acidità ed un finale ancora non troppo importante
2) LACRYMA CHRISTI Bianco 2012 (caprettone) di CASA SETARO , naso che all’inizio stenta a rivelarsi per poi aprirsi su note vulcaniche evidenti, in bocca è caldo avvolgente, di buona acidità e con un bel finale.Equilibratissimo
3) POMPEIANO CODA NATI’ 2010 SORRENTINO, (A), naso enorme di frutta ed un ricco palato estremamente armonioso e persistente
4)PER EVA 2012 di TENUTA SAN FRANCESCO naso abbastanza complesso ma non del tutto rivelatore regala dolcezza al palato con un discreto finale e un’acidità non tropo spinta
5) FIORDUVA 2011 di CUOMO MARISA, l’armonia e la forza di questo vino si notano subito è molto riconoscibile e ben fatto
6) FALANGHINA CRUNA DELL’AGO 2011 di LA SIBILLA (A) bella consistenza naso dapprima elegante poi pungente, al palato si nota immediatamente una bella spinta acida che lo rende perfetto con crostacei e tutto mare
7)FALANGHINA 2011 di CONTRADA SALANDRA (AA) naso non troppo evidente ma al palato la ricchezza e la consistenza della materia sono di ottimo livello, finale molto interessante
8) FOIS 2012 Falanghina di CAUTIERO (AA) fine ed elegante al naso, al palato si rivela ricco ed armonioso con una bella acidità, azienda in continua crescita, espressione addirittura migliore della notevole 2011
9)FALANGHINA CESCO EREMO 2012 delle CANTINE DEL TABURNO (A) gran bell’impatto olfattivo per poi rivelarsi intensa e carica al palato con buonissima spinta acida
10) FALANGHINA DOMUS GIULII 2009 di LA SIBILLA (AA) giallo intenso, al naso non si percepiscono sentori evidenti, poi il palato si mostra ricco ampio intenso, un bel vino.
11) LE SEROLE 2011 di TERRE DEL PRINCIPE, un vino ben fatto, estremamente elegante e di buona consistenza
12) FIANO ERBA BIANCA 2012 di CAUTIERO, erbaceo,un po scontroso al naso, poi al palato è piacevole,fresco diretto, una bella bevuta

3°giorno il GRECO DI TUFO e piccole sottospecie
1)GRECO MUSC’ 2012 di LONARDO sebbene ancora poco espressivo, mostra complessità ed un buon potenziale evolutivo, bell’equilibrio
2)GRECO CAMPANARO 2012 di FEUDI una discreta bevuta, molto sapido sebbene al naso sia ancora involuto
3) CAMPANIA OI NI 2011 di TENUTA SCUOTTO (A), naso un po legnoso si nota una leggera ossidazione, poi al palato una bella acidità e una bella cremosità
4) GRECO di TUFO 2012 di BENITO FERRARA (A), naso ancora non espressivo ma tipicamente greco, leggermente alcoolico discreta la beva, finale molto piacevole con potenziale di invecchiamento enorme
5) GRECO TERRE DEGLI ANGELI 2012 di TERREDORA (AA) naso erbaceo, molto interessante con una bocca armoniosa ed una finale estrememente appagante
6) GRECO di TUFO 2012 di TENUTA SCUOTTO discreto al naso risulta poi abbastanza equilibrao con una beva succosa ed un finale morbido
7) GRECO di TUFO CUTIZZA 2012 di FEUDI (A) buon naso tipico dello cepage, ha una bella tensione gustativa con un finale interessante
8) GRECO di TUFO 2012 di PIETRACUPA (AA) un elegante fruttato al naso, molto armonioso al palato ben riuscito con un finale teso
9) GRECO di TUFO 2012 di DI PRISCO (A) dolcezza al naso, poi il palato è discretamente armonioso, buonissima l’acidità
10) GRECO CONTRADA MAROTTA 2012 di VILLA RAIANO (AA), frutta bianca al naso in bocca si rivela discretamente caldo e di ottimo potenziale
11) GRECO di TUFO RAONE 2012 (AA) naso energico quasi sulfureo, poi al palato ha un ingresso fantastico per poi distendersi con buon equilibrio,davvero un gran bel vino
12) GRECO di TUFO 2012 di FONZONE CACCESE (AA), piacevole sensazioni olfattive quasi di frutta bianca, poi in bocca rivela una grande ampiezza e possenza di buonissima acidità ed un bel finale
13)GRECO di TUFO VIGNA CICOGNA 2012 di FERRARA BENITO (AAA)uhhh che cavolo di vino! grandissimo e dal potenziale enorme. tipico centratissimo una grande acidità per un corpo nervoso ed un finale robusto
14) GRECO di TUFO DIONISO 2012 di LA MOLARA erbaceo, sembrano note di bosco, di buona struttura e bella beva discreto anche il finale
15) GRECo di TUFO VIGNA BRECCIA 2012 di MONTESOLE (A) molto centrato al naso, quindi tipico in bocca è diretto quasi una stilettata di piacere per poi distendersi con bella armonia
16)GRECO di TUFO GROTTE 2012 di COLLI DI CASTELFRANCI un po fastidioso il fruttato iniziale al naso, poi in bocca mostra i muscoli e risulta pieno armonioso.
17) GRECO di TUFO NESTOR 2012 di TENUTA PEPE, naso di roccia con un palato abbastanza piacevole finale su note di tabacco
18)GRECO di TUFO 2012 di DONNACHIARA (A) molto tipico e quindi centrato si apre verso note sulfuree al palato è bello diretto con un finale non molto lungo
19)GRECO di TUFO 2008 di CANTINE DELL’ANGELO (AA), fantasticamente sulfureo ossidazione e nervosità ne fanno una bevuta very good
20) GRECO di TUFO VIGNA CICOGNA 2008 di BENITO FERRARA (AA) naso tipico dei grandi greco, acido magnificamente centrato.
21) GRECO di TUFO 2003 PIETRACUPA (AAA) dieci anni e non sentirli anzi! regala emozioni, al naso rivela l’ossidazione poi al palato è cremoso avvolgente con una finale secco.un greco grande insomma.

4° giorno FIANO e altri piccoli cepages
1) CODA DI VOLPE TORAMA 2012 di VADIAPERTI/TRAERTE naso leggermente caramellato difficile da comprendere sullo cepage, poi al palato è molto sapida e godibile e si distende energicamente
2) FIANO 928 2012 di CANTINA DEL BARONE (AA), rinoscobile tra mille! un naso estremente mentolato erbaceo, il palato è ricco anche esso originale, poi si distende succoso e ampio, un gran vino
3)FIANO 2012 di VIGNE GUADAGNO naso non molto espressivo ma tendente all’elegante poi si avvertono sentori di pesca ed al palato è una discreta bevuta
4) FIANO 2012 di FONZONE CACCESE (A) apre su leggere note di frutta bianca di buona acidità per una buona distensione in bocca bel finale sapido
5) FIANO AVELLINO 2012 di PIETRACUPA (AA) e sbaglialo un vino Sabino! Temo sia operazione impossibile. Al naso sentori di mela verde buonissima acidità bevuta di ottimo livello davvero
6) FIANO REFIANO 2012 di TENUTA PEPE (A) interessante naso erbaceo profondo molto pieno anche al palato
7) FIANO TERRE DORA 2012 di TERREDORA, molto centrato al naso, diretto al palato buon finale
8) FIANO PENDINO 2012 di COLLI DI CASTELFRANCI (A) molto interessante al naso quasi mentolato teso al palato come una lamina di piacere acidità buonissima discreto anche il finale
9) FIANO IOVIS 2012 di LA MOLARA non banale al naso, molto sapido al palato con un discreto finale
10)FIANO 2011 di ROCCA DEL PRINCIPE , tipico fiano di Lapio con una discreta beva ed un bel finale
11)FIANO BRANCATO 2011 di TENUTA PEPE (A) la barrique sul fiano è la strada intrapresa da Milena Pepe con risultati che fanno riflettere perchè il vino è davvero piacevole
12) FIANO di AVELLINO 2010 di GUIDO MARSELLA (AA) ossidato ma molto minerale e piacevole con una struttura robusta ed estremamente piacevole
13) FIANO DON CHISCIOTTE 2011 di ZAMPAGLIONE (AAA) estremamente ossidato, ma non va per questo mal giudicato anzi. Già al naso è bello intenso caldo, per poi aprirsi magnificamente al palato dove si rivela grasso, ampio con una bocca dolce e piacevole che ne fanno il mio preferito in assoluto.Gran bel vino da acquistare assolutamente
14) FIANO ESOTERICO 2011 di DONNACHIARA al naso è ancora fermo poi l’ingresso in bocca è particolare di cioccolato bianco quasi caramella
15) FIANO SEQUOIA 2011 di FONZONE CACCESE dolcezza di frutta quasi appassita, vino molto interessante e per il quale valgono stesse considerazioni di TENUTA PEPE.
16) FIANO di AVELLINO 2003 VILLA DIAMANTE (AAA) assolutamente strepitoso, un hors categorie. Bello anche il 2008 di CIRO PICARIELLO e ROCCA DEL PRINCIPE
La nostra faticaccia termina qui, ci sono stati tanti vini emozionanti, e vi prego perdonarmi se non sono stato politically correct, il nostro linguaggio è volutamente ruspante, perchè è così che amiamo il vino. Nessuna ingessatura e non prendersi troppo sul serio sono il nostro credo.

Gianluigi Carlino

Lascia una risposta